7 Luglio 2011 | Autore:

Qualche giorno fa ho consegnato un progetto per un esame che dovevo dare, questo comportava la realizzazione di una applicazione web, subito ho pensato a concludere e-wishlist, ma poi visto la consegna del compito avrei dovuto snaturare il mio vecchio progetto, così deciso di puntare su questo,che consiste nella creazione di un evento, la possibilità di scegliere i talk e gli utenti dopo essersi registrati possono iscriversi ai vari talk

questo progetto si chiama DMEvent

Questo progetto comunque mi ha fatto sviluppare parti che sicuramente potranno essere integrate in e-wishlist, quindi se siete interessati al progetto rimante collegati che spero con del tempo a disposizione di poterlo proseguire 😉

vi lascio con il link alla pagina  e aspetto vostri commenti 😉

Nessun commento (43 views)
27 Maggio 2011 | Autore:

A casa mia ho Sky, e da qualche tempo ho acquistato la loro chiavetta per il digitale terrestre, decisamente comoda se si ha già sky così gestisci tutto da un solo dispositivo, questa chiavetta, che si chiama Digital Key è una normale chiavetta DVB USB allora mi sono chiesto ma funzionerà sulla mia Debian?

Ho scoperto che i driver a867 funzionano egregiamente, l'unica cosa è che bisogna compilarseli, e va bhe, facciamolo, io ho da poco compilato il kernel 2.6.37.2 e i driver sono dati per funzionanti fino alla versione 2.6.35, infatti non si compilavano davano un bell'errore sulla dichiarazione di init_MUTEX, va bhe fatto sta che grazie al caro PaulTT siamo riusciti a sistemare i driver e quindi compilarli, qua trovate la patch per sistemare i driver, l'attuale versione del driver è la 1.0.28, spero in futuro aggiornino e risolvano tale problema.

per usare la patch copiate il file nella directory dei sorgenti e date il seguente comando patch -p1 < patch_a867_1.0.28-1.patch e dopo il normale make e sudo make install

bene adesso dovrebbe funzionare tutto, per vedere qualche canale potete o usare kaffeine (player di kde), che permette di fare lo scan dei canali e vederli dalla sua interfaccia grafica, oppure usare mplayer (in questo caso bisogna generarsi la lista dei canali a mano)

ora potete godervi il digitale ovunque abbiate un'antenna 😀 e visto le dimensioni ridotte della pennetta è proprio comoda da portare in giro.

10 commenti (730 views)
11 Febbraio 2011 | Autore:

Ho scoperto da poco che il "famoso" pulsante Mi Piace (o I Like) di facebook presente nei siti web invia delle informazioni alla casa madre :D, si infatti sembra che da uno studio questo pulsante crei un cookie tracciante, e quindi si crea, tiene traccia dei siti visitati e la prossima volta che capiterete su un sito con il tasto Mi Piaci questo lo comunicherà a facebook, senza chiedere niente, ma sembra che chi la metta sul sito accetti ciò e quindi l'ignaro visitatore ne rimane incastrato, la cosa da notare è che non fa questo lavoro solo se siete registrati a facebook ma chiunque apra un sito di questo tipo.

Visto che come detto tempo fa mi ero Eliminato da facebook, non voglio che esso abbia accesso almeno ai miei dati privati, quindi ho trovato una semplice soluzione:
Installare Greasemonkey, riavviare Firefox, installare questo script e navigare tranquillamente, se ci sono problemi fatemi sapere 😉

P.s. per chi ha un sito, bhe se volete usare facebook bene ma almeno evitate di usare questo tasto.

Questo non ci Piace.

Fonte
Aggiornamento:

Mi è stata segnalato un plugin che fa esattamente questo (funziona su firefox, chrome, safari e opera), si chiama FacebookBlocker, io adesso sto usando questo e mi trovo bene, vi lascio il link al plugin

2 commenti (365 views)
25 Novembre 2010 | Autore:

Non ne ho ancora parlato, ma direi che è il momento di farlo, ho seguito abbastanza attentamente questo progetto sin dall'inizio e ora siamo arrivati ad un punto di test importante, infatti è possibile provare diaspora su un loro server che oserei definire sicuro; ma iniziamo con il dire cos'è diaspora.

Diaspora è un software di social network ideato da 4 ragazzi universitari e  sviluppato da inizio giugno di questo anno dopo una raccolta fondi molto proficua, il 15 ottobre è stata rilasciata la prima versione del software come promesso con licenza AGPL 3.0 quindi ognuno può scaricarlo, installarlo in locale e avere un server diaspora, il punto di forza di questo Social Network è la sicurezza intrinseca, infatti tutti i dati risiedono sul server di registrazione, vendono spediti a chi ha la facoltà di vederli in modo sicuro tramite gpg, e soprattutto tutti i server di diaspora possono comunicare tra loro, quindi è comodo per creare una rete decentralizzata e mantenere al sicuro i propri dati.

Ma se noi non disponiamo di server domestici, possiamo usare il server che loro mettono a disposizione, per ora solo su invito, chiunque fosse interessato a provare questo nuovo servizio mi lasci la propria mail e cercherò di invitarlo, ricordo che gli inviti sono limitati quindi affrettatevi.

8 commenti (489 views)
23 Novembre 2010 | Autore:

Qualche giorno fa ho acquistato una chiavetta usb della vodafone precisamente il modello K3765-z, visto che per farla funzionare non è bastato attaccarla, ho deciso di scrivere una bella guida.

Appena mi è arrivata ho provato ad attaccarla al computer, ma non veniva riconosciuta da sola, allora mi sono informato un po' in rete ed ho trovato varie informazioni, la prima e direi la più importante è che queste chiavette hanno varie modalità, c'è una modalità di lettore micro sd, modalità cdrom per avere i programmi di gestione della stessa per Windows e Mac e infine la modalità modem, quindi serve qualcosa in grado di far cambiare la modalità attiva per abilitare il modem, cioè la parte che ci interessa; per fare ciò bisogna installare usb-modeswitch in questo modo molto semplice:

sudo apt-get install usb-modeswitch

questo andrà ad installare l'ultima versione disponibile, tecnicamente dovrebbe avviarsi  da solo quando se ne ha bisogno.

Per far funzionare il modem, bisogna controllare che venga caricato il modulo usbserial, io ho provato questa procedura su due computer, con uno funzionava bene, mentre sull'altro ho dovuto caricare a mano il modulo in questo modo:

sudo modprobe usbserial vendor=0x19d2 product=0x2002

se questo è il vostro caso penso che possiate automatizzare il processo inserendo questa riga (opportunamente modificata) nel file /etc/modules

bene proseguiamo con la guida, qui le possibilità sono 2 ora che abbiamo riconosciuto il modem possiamo usare un software creato apposta per queste chiavette oppure creare un file di configurazione per pppd e usare questo per collegarsi; io vi spiegherò il metodo più semplice per i meno adatti ad usare un terminale.

Bene il software che ci serve lo possiamo trovare su questo sito: https://forge.betavine.net/frs/?group_id=12

io uso Debian quindi mi riferisco a questa distribuzione, scorrere fino alla sezione Debian, Ubuntu, Ubuntu Netbook Remix, Linux Mint e scaricare i seguenti pacchetti:

ozerocdoff (0.4-2)
vodafone-mobile-connect (2.25.01-1)

installiamo questi due pacchetti con dpkg e diamo da terminale un:

sudo apt-get install -f

per sistemare le varie dipendenze, ora siamo giunti alla parte finale avviare da terminale con:

vodafone-mobile-connect-card-driver-for-linux

o dal menu l'applicazione vodafone mobile connect appena installata, se tutto è andato a buon fine selezionare la pennetta usb quando richiesto, inserire il pin se abilitato e una volta finito il caricamento del programma possiamo controllare gli sms (e inviarne) o connettersi ad internet e testare finalmente il nuovo acquisto.

Naturalmente cliccare su disconnetti una volta terminata la navigazione, chiudere il programma e sfilare la pennetta 😀

Bene ora dovremmo essere abili a navigare "ovunque" con il nostro portatile, per qualsiasi problema scrivete nei commenti.

6 commenti (1.098 views)